top of page

Dove ti siederesti? L’ho chiesto a ChatGPT.



In questo periodo della mia vita sto approfondendo l’influenza che hanno i colori sulla percezione degli spazi e sulle nostre emozioni. Mi ha sempre affascinato il lato storico, chimico ed estetico dei colori, ma in effetti ha sempre prevalso più il lato sociologico come approccio alla progettazione. Finché non ho cominciato a farmi nuove domande. Da cosa nasce cosa e la mia passione è unire i puntini.


Così, mentre riflettevo sui 7 colori dell’arcobaleno, mi domandavo l’influenza del nero e se percepiamo in qualche modo ultravioletti, raggi gamma, X e infrarossi, mi sono visualizzata in una stanza vuota con 7 sedie di colori diversi. Dove mi sarei seduta? Cosa avrebbe prevalso? Colore, distanza o posizione? O altro?


L’ho chiesto a ChatGPT.


“Nella sedia più vicina rispetto alla mia posizione se la stanza è vuota.” Logica. 

E se nella stanza ci fossero 5 persone in piedi sparse? Mi è venuto naturale domandare.

“Dipenderebbe dalla situazione e dalle relazioni con le persone presenti”. Prossemica.


Noi umani siamo tantissimo linguaggio non verbale. Un mondo di segni e decisioni sfuggenti per la ragione. Anche le macchine lo sanno evidentemente.


La prossemica è lo studio della comunicazione non verbale, in particolare degli spazi e delle distanze che le persone mantengono tra loro durante l'interazione. Include l'analisi di come le persone utilizzano lo spazio personale, la distanza sociale e altri aspetti fisici nell'ambito delle relazioni interpersonali. 


Questa branca della comunicazione esplora come la cultura, le norme sociali e le relazioni personali influenzino la gestione dello spazio personale, la distanza sociale e altri elementi spaziali nell'ambito delle relazioni umane. La prossemica fornisce visioni preziose sulla dinamica delle interazioni interpersonali e sulla loro interpretazione attraverso il contesto spaziale.


Non mi interessa qui capire dove si siederebbe ChatGPT se gli descrivessi posizioni e ruoli delle 5 persone, anche se la tentazione c’è stata, ma continuare ad indagare come si comportano le persone negli spazi e come farle stare meglio o stimolarle. Come mi muovo nello spazio? Da cosa sono attratta? Chi o cosa mi respinge? Lancio queste domande in modo che tu rifletta e prenda coscienza insieme a me, osservandoti quando ti muovi nello spazio cogliendo cosa istintivamente ti attrae di più.


Il colore è uno degli elementi che può influenzare la percezione degli spazi e le emozioni delle persone. Tuttavia, le risposte ai colori possono variare in base alle culture e alle esperienze individuali. Nell'ambito della prossemica, la scelta dei colori e il modo in cui vengono utilizzati possono contribuire a creare un ambiente che influenzi le dinamiche sociali e le interazioni.


E tu? Dove ti siederesti se la sala è vuota? Segui la logica come ChatGPT o sei attratta/o dalla posizione o dal colore?


Se vuoi riflettere sui colori del tuo ambiente o essere guidato nell’auto osservazione,  prendiamoci un caffé virtuale e parlami del tuo ambiente. Potremo iniziare un percorso per trasformare il tuo ambiente e migliorare il tuo benessere quotidiano. Ti aspetto!


Silvia




Comments


Conttattami

Via del Porcellana 57/59 R, 50123, Firenze

+39 348 08 40 303

  • Instagram
  • Pinterest
  • LinkedIn
  • Facebook

Grazie! Ti risponderò al più presto.

bottom of page